22 maggio 2022 – Monte Pedone e Monte Prana

22 maggio 2022 – Monte Pedone e Monte Prana

Placida salita alla vetta più meridionale delle Apuane. Itinerario ottimo anche per i mesi invernali; la vetta regala un bellissimo panorama sulla costa e sul gruppo delle Panie.

Dislivello: 660 mt

Tempi di percorrenza: 6 ore

Difficoltà: E/EE

Partenza dal Passo del Lucese (558 m.), raggiungibile in auto da Camaiore (LU) percorrendo la SP 1 sino a trovare le indicazioni per il paese di Gombitelli; da qui si prosegue su percorso tortuoso giungendo al passo. A fianco del Bar-Ristorante Lucese si trovano le indicazioni e la partenza del segnavia 101. E’ possibile proseguire in auto lungo un erto stradello asfaltato ma molto stretto (prima parte del 101) sino ad un taglio di cava dove c’è un pò di spazio per parcheggiare; nei pressi dello spiazzo lo stradello è chiuso da una sbarra. Ci incamminiamo sul 101 e superata la sbarra si prosegue sempre su ampio stradello, salendo con vari tornanti; superiamo, ignorandoli, vari stradelli che si staccano dal sentiero a sx. Ad un bivio, troviamo le indicazioni, sulla sx per la Casa del Maestro (847 m.) e per il Pranaabbandoniamo quindi il 101 e seguiamo lo stradello a sx che presto si restringe diventando un sentiero. Dopo un piccolo strappo entriamo nella splendida abetaia dove sorge il rifugio. La traccia prosegue in piano, nel bosco. Lasciando il rifugio sotto di noi proseguiamo seguendo l’indicazione “Pedone – La Piana“. La traccia è evidente ma non piu segnalata. Uscendo dall’abetaia la salita si fa più erta, in zona aperta e con un ultimo strappo, giungiamo sull’ampio e brullo crinale tra il Pedone e il Prana (nell’erboso valloncello sorge un recinto). La traccia in questa parte è piuttosto incerta, ma con buona visibilità non ci sono problemi d’orientamento. Si prosegue seguendo il crinale in direzione della vetta del Prana (1218 m. già visibile l’alta croce). Anche in questo tratto la traccia non è sempre evidente, se non nella parte terminale, dove si scorge anche qualche segno blu. Dalla vetta si segue l’indicazione per la Focetta di San Vincenzo lungo una traccia evidente ma non segnata (sentiero che scende lato mare), che cala lungo la cresta sud-est, sino a giungere alla Focetta di San Vincenzo (915 m.). Da qui si torna al Passo del Lucese seguendo il 101, in circa 1h30. Salita priva di difficoltà e poco faticosa; il tratto di crinale per la vetta del Prana può creare qualche problema di orientamento in caso di nebbia.

Lascia un commento

Chiudi il menu